Il fiume e l'uomo | da sempre fonte di vita, usato per i trasporti, abitato con battelli o palafitte, sfruttato nella produzione di energia, abusato nello sversamento di rifiuti.

Oggi, in occasione dell'apertura dell'edizione 2016 di Mostre Diffuse Fotografia Magliano Sabina, sono stati decretati i vincitori del concorso fotografico Il fiume e l'uomo organizzato da Bycam e promosso dal Comune di Magliano Sabina.

Vincitore del primo premio del concorso: "A volte il rapporto con l'uomo è difficile" di Daniela Di Sarra

primo premio Daniela Di Sarra, Il rapporto con l'uomo a volte è difficile, concorso Il fiume e l'uomo, mostre diffuse fotografia magliano sabina 2016

Motivazione

Sensibilità artistica evidenziata dal gioco di colori e luci dell'elemento bicicletta. Il concetto del degrado si trasforma in arte. Piace perchè dispiace. La capacità tecnica e formale rende lo scatto uno spaccato del paesaggio.

Vincitore del secondo premio ex aequo del concorso: "Vicino ponte Sant'Angelo" di Luigi Pastoressa.

secondo premio ex-exquo, Vicino ponte Sant'Angelo, Luigi Pastoressa, concorso Il fiume e l'uomo, mostre diffuse fotografia magliano sabina 2016

Motivazione

Per il senso realistico e documentale di una fotografia dove la storia e la bellezza sono contrapposte alla realtà dell'abbandono.

Vincitore del secondo premio ex aequo del concorso: "Il tuffo" di Simone Crescenzo.

secondo premio ex-quo, Il tuffo di Simone Crescenzo, concorso Il fiume e l'uomo, mostre diffuse fotografia magliano sabina 2016

Motivazione

Per il valore compositivo e la capacità di aver saputo rappresentare e cogliere l'istante di un tuffo spettacolare.

Ai vincitori del concorso fotografico Il fiume e l'uomo i complimenti di Mostre Diffuse e quelli del Comune di Magliano Sabina!

LA GIURIA CONCORSO FOTOGRAFICO IL FIUME E L'UOMO

TULLIO BERNABEI MOSTRE DIFFUSE 2016

 

TULLIO BERNABEI

Laureato in Scienze Motorie all’ISEF di Roma, [Tullio Bernabei] si dedica dal 1975 a speleologia, alpinismo, subacquea e altre attività outdoor. E’ stato responsabile regionale del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico nel Lazio per oltre 11 anni, dirigendo le squadre impegnate nei recuperi di infor­tunati da cavità sotterranee e in canyon, sviluppando un programma di pre­venzione degli incidenti. E’ stato consigliere della Società Speleologica Italiana, membro dell’Explorer’s Club di New York e per 6 anni presidente dell'Associazione La Venta, di cui è anche fondatore. Giornalista pubblicista, fotografo e autore di documentari dal 1985, ha pubblicato un centinaio di reportage sulle maggiori riviste italiane trattando argomenti come speleologia, archeologia, alpinismo, vulcanologia, subacquea, canyoning, soccorso, turismo outdoor ed ecologia in generale.  Sugli stessi temi ha curato 9 libri e una ventina di lavori scientifici. Come autore ha realizzato oltre 100 documentari, vincendo numerosi premi internazionali nel settore. Ha ideato e diretto vari programmi e serie di carattere scientifico-geografico-esplorativo: in Italia per RAI, Mediaset, La7, Stream e Sky (MTC); all’estero National Geographic TV, NOVA PBS, Discovery Channel, Arte, La Cinquieme, RTBF, Planète, SBS Australia e altri.

 Per La7 è stato coautore delle serie a puntate “Missione Natura” e “Vivo per Miracolo”.
Autore di documentari per i programmi RAI “Correva l’Anno”, “Kilimangiaro” e “Ulisse”. E’ cofondatore della società di produzione Terra Incognita, con sede a Roma.

FABIOLA CINQUE MOSTRE DIFFUSE 2016

FABIOLA CINQUE

Fabiola Cinque nel 1996 crea la società Fivegraphic Srl, agenzia di comunicazione e pubblicità, boutique creativa di cui è stata Amministratore Unico e Direttore Creativo e dal 2000 la Fivegraphic srl entra a far parte di un Network di competenze costituito da diversi partner e crea la nuova società Only4Few, dedicata all’organizzazione di eventi ed all’ufficio stampa di brand esclusivi del lusso internazionale. Da direttore creativo a giornalista, diventa ben presto responsabile d’immagine ed ufficio stampa per stilisti e aziende moda, per enti teatrali e accademie musicali. S’interessa di comunicazione e moda dal ’98 curando l’immagine di griffe ed eventi e presentazioni di moda in varie città italiane: da Roma, Milano, Firenze e Palermo. E’ ideatore e Coordinatore del primo Master italiano di “Comunicazione e Marketing della Moda” allo IED di Roma, dove dirige il corso da 15 anni (dal 2000) e, sempre dal 2000 è Professore a contratto all’Università LUMSA di Roma per il Corso “Teorie e Tecniche della Comunicazione Pubblicitaria”.

Coltiva la passione della scrittura (DNA di famiglia) e da giornalista gestisce un suo BLOG di costume su Formiche.net (testata di finanza e politica) e dopo tre anni di collaborazione per MyWhere.it, ne diventa il Direttore ad Aprile 2015. I suoi speciali e le sue interviste sono sempre di Cultura: spaziando dal Viaggio al Design, dall’Enogastronomia alla Moda all’Arte. Interessata al web ed alle varie forme di comunicazione si interessa anche al mondo dei social.

WalterCriscuoli

WALTER CRISCUOLI

Docente di Fotografia presso il Liceo Artistico Sello di Udine, già docente di Fotografia Digitale presso l’Accademia di Belle arti di Venezia, nonché ricercatore di forme della comunicazione audiovisiva.

SALVATORE DI VILIO MOSTRE DIFFUSE 2016

SALVATORE DI VILIO

Salvatore Di Vilio rinasce con la rollei dello zio, ormai stanco dell’architettura e degli architetti. Spinto da curiosità umana, si diletta fotografando feste, riti e persone nei loro luoghi. Il suo lavoro abbraccia la fotografia a 359°, con ironia, passione e cazzeggio, cercando di campare. Ha al suo attivo numerose mostre personali e collettive [Salvatore di Vilio]. Tra gli altri, hanno scritto di lui: Franco Arminio, Enzo Battarra, Michele Buonuomo, Giulio Baffi, Jolanda Capriglione, Federica Cerami, Raffaele Cutillo, Andrea Di Consoli, Enzo Di Grazia, Antonio D’Agostino, Fiorenzo Marino, Giuseppe Montesano, Gerardo Pedicini, Gianpaolo Graziano, Maurizio Vitiello, Vincenzo Trione.

Pubblicazioni: Verde ero e verde sono nata, Immagini della canapa in Terra di Lavoro, Edizione Il Ponte, 1992; Goethe a Succivo, edizione Il Ponte/Etrarte,1996; Il Maestro di Casapozzano, edizione Il Ponte/etrarte, 1998. Il Tenente e donna Filomena, edizione Il Ponte/etrarte, 2004. Il pozzo di San Lorenzo, edizione Il Ponte/etrarte, 2005; Romeo cambia colore, edizione Il Ponte/etrarte, 2006. I puri di cuore di S. Maria della Stella, edizione Il Ponte/etrarte, 2007. GRANDIOSI FESTEGGIAMENTI IN ONORE DI GESU’ TRASFIGURATO, edizione Il Ponte /etrarte, 2008. Trionfo e morte di Carnevale – un Carnevale Atellano, Sant’Arpino 1982-1999, edizione Il Ponte /etrarte, 2009.

Pubblicazioni con contributo fotografico: Caserta la Storia, Paparo Edizioni, 2000. La Casa delle Arti Succivo, Edizioni Electa Napoli, 2001. Almanacco di Casabella giovani Architetti Italiani2001-2002, Edizioni Mondadori 2002. Giardini dell’Armonia, Paparo Edizioni, 2004. Periferie a cura di Stefania Scateni, Editori Laterza 2006.

 

TERESA MANCINI MOSTRE DIFFUSE 2016

TERESA MANCINI

Teresa Mancini, fotografa iscritta all’Associazione Nazionale Fotografi Professionisti Tau Visual, si è formata allo allo IED dipartimento di Fotografia e all’Istituto di Stato per la Cinematografia e la Televisione Rossellini. Ha iniziato l’attività di freelance, specializzandosi, nella ritrattistica, nel reportage paesaggistico, nella fotografia di ricerca, occupandosi anche di insegnamento. Al suo attivo ha numerose mostre in tutta Italia ed alcune all’estero [Teresa Mancini]. Dal 2001 è cofondatrice dell’Agenzia di Comunicazione Bycam Srl, nella quale porta le sue competenze in campo fotografico. Dal 2011 insegna fotografia presso il Centro di riabilitazione psicomotoria OSA (ex Rirei) di Roma, ad un gruppo di 12 persone indagando con loro sull'uso dello sguardo nella comunicazione.

PATRIZIA SAVARESE MOSTRE DIFFUSE 2016

 

PATRIZIA SAVARESE

Nata a Roma, frequenta la facoltà di Architettura negli anni '70 e si diploma in "Architettura d'Interni, e successivamente in "Fotografia". Inizia a lavorare come fotografa nello show-businnes al seguito delle più famose stars internazionali del Rock, seguendo concerti e tournée in Italia. Si afferma come una delle migliori fotografe-rock, negli anni '80. Inizia a lavorare anche nella moda ed in pubblicità, ed in seguito ad un lavoro di ricerca fotografica in bianco e nero sul nudo, è in particolare apprezzata come una delle primissime fotografe italiane ad occuparsi del nudo maschile.

Oggi Patrizia Savarese è considerata una delle fotografe più personali nel mondo della fotografia italiana. Vincitrice di due recenti premi alla carriera (di cui uno a Benevento nel “Memorial Mario Giacomelli” insieme ad Oliviero Toscani). Negli ultimi anni un'importante ricerca intorno all'acqua le è stata commissionata da Teuco per gli ormai noti calendari aziendali, le cui immagini oniriche e raffinate sono apparse sulle maggiori testate giornalistiche italiane (il calendario Teuco del 2002, tra l'altro, è stato giudicato il migliore dell'anno). Come ha scritto di lei Denis Curti (ex direttore della Fondazione Italiana della Fotografia e critico) – Patrizia si colloca a metà strada tra la condizione onirica e la percezione di una realtà altra, sempre filtrata dalla potenza delicata e fragile dell’acqua e, naturalmente, dalla consapevolezza della sua personalissima visione". Attualmente è distribuita da GettyImages.

STEFANO TOMASSINI MOSTRE DIFFUSE 2016

STEFANO TOMASSINI

Stefano Tomassini, romano, sessantacinque anni, è giornalista e scrittore. Ha cominciato il suo lavoro alla Voce Repubblicana. Nel 1980 è entrato in RAI. E’ stato capo redattore esteri al Giornale radio e poi al TG1. Ha fatto numerosi servizi in Europa e Medio Oriente. Nel 2002 è passato a RAITRE, dove è stato fra i fondatori del settimanale Ballarò. Dal 2012 vive stabilmente a Magliano. Nel 2014 è stato eletto consigliere comunale e ha avuto dal sindaco la delega per le attività culturali. Ha pubblicato quattro libri e sta lavorando al quinto.